martedì 22 novembre 2022

Se devi dire una bugia dilla grossa al Parioli


 Sarà in scena dal 23 Novembre all’11 dicembre al Teatro Parioli
Se devi dire una bugia dilla grossa con Antonio Catania, Gianluca Ramazzotti, Paola Quattrini, Paola Barale. Due Atti di Ray Cooney; versione italiana di Iaia Fiastri. In scena anche Nini Salerno, Cristina Fondi, Sebastiano Colla, Marco Todisco, Sara Adami, Ilaria Canalini. Regia originale di Pietro Garinei. Nuova messa in scena di Luigi Russo.

Riprendere uno spettacolo come Se devi dire una bugia dilla grossa, cavallo di battaglia della Ditta Dorelli, Quattrini, Guida, dopo 30 anni dalla prima rappresentazione del 1986, è come avere in mano una cambiale sicurissima, sia per il pubblico che per i teatri che lo ospitano. La solida struttura comica che caratterizza la commedia, che lo stesso Cooney aveva rappresentato allo Shaftesbury Theatre, che ha poi fatto il giro del mondo e che lo stesso Garinei ha poi portato in scena con enorme successo, è per il nostro mercato un grande ritorno.

Dopo l’ultima edizione del 2000 con Jannuzzo, Quattrini, Testi, sempre per la regia di Garinei, per festeggiare i cento anni dalla nascita di un grande uomo di teatro come Pietro Garinei, Ginevra Media Prod. srl con la direzione artistica di Gianluca Ramazzotti ha deciso di montare una nuova produzione dello spettacolo. L’allestimento sarà ispirato a quello originale firmato dalla ditta G&G con il famoso girevole che rappresenta di volta in volta la Hall dell’Albergo e le due camere da letto, dove si svolge la vicenda ormai nota del Ministro del Governo De Mitri, che vorrebbe intrattenere relazioni extra coniugali con un membro femminile del governo dell’opposizione.

La versione rinfrescata e attualizzata da Iaia Fiastri con un cast eccellente, vede protagonisti Antonio Catania, Gianluca Ramazzotti e la partecipazione di Paola Quattrini che per la terza volta interpreterà il ruolo della moglie dell’onorevole Natalia. Lo spettacolo inoltre vedrà la presenza di Paola Barale nel ruolo di Susanna Rolandi già interpretato da Gloria Guida e Anna Falchi. Il cast comprende anche Nini Salerno e Sebastiano Colla. Siamo certi che la proposta di riprendere un “evergreen” come “la Bugia” sarà gradita a pubblico e teatri.

La sig.ra Paola Barale sarà presente nei giorni 23 e 27 ottobre e 4 e 11 novembre. Nelle altre recite, sarà sostituita dalla Sig.ra Sara Adami


Teatro Il Parioli

23 novembre | 11 dicembre

Antonio Catania, Gianluca Ramazzotti, Paola Quattrini, Paola Barale

SE DEVI DIRE UNA BUGIA DILLA GROSSA

due Atti di Ray Cooney

versione italiana di Iaia Fiastri

con Nini Salerno, Cristina Fondi, Sebastiano Colla, Marco Todisco, Sara Adami, Ilaria Canalini

regia originale di Pietro Garinei

nuova messa in scena di Luigi Russo

lunedì 21 novembre 2022

Porco Mondo al Teatro Basilica

 


Sarà in scena al TeatroBasilica dal 22 al 27 novembre 2022 – (martedì - sabato 21.00 / domenica 17.45) PORCO MONDO, drammaturgia Francesca Macrì e Andrea Trapani, regia Francesca Macrì, con Aida Talliente e Andrea Trapani.

PORCO MONDO festeggia dieci anni. Debuttava a Teatri di Vetro proprio dieci anni fa e ora torna in scena perché è stato senza dubbio un lavoro fondamentale per la compagnia Biancofango, ma anche perché parlare di repertorio nel nostro paese diviene sempre più una cosa fondamentale.


Torna in scena con una nuova produzione (Biancofango, il Gruppo della Creta e Fattore K), il tutto allestendo il lavoro nello spazio scenico che la compagnia Biancofango aveva in mente già dieci anni fa.




Un uomo. Una donna. Una coppia. Una stanza. Un mese. Dicembre. Una notte.

Quella di Natale.

La neve che tutto ricopre e tutto cancella. L’alba che coglie d’anticipo il buio, svela i desideri osceni, consuma i pensieri, stravolge gli animi, conduce al logoramento.
Eccoli. Gli sposi ribelli. Gli amanti stremati.
Eccoli. Il superstite e il boia. L’incontro degli opposti.
Nulla li soddisfa. Nulla li sazia.
Ma dove si scappa mentre ci si viene incontro?

Non hanno nomi quest’uomo e questa donna. Potrebbero chiamarsi in ogni modo. Nascondono, loro malgrado, nostro malgrado, qualche cosa di ancestrale, di atavico. Non hanno nomi e mai ne avranno per tutto lo spettacolo quest’uomo e questa donna. A volte non basta più essere come si è. E per dire cose che, forse, altrimenti rimarrebbero serrate in gola, lei indossa, maldestramente, abiti da Marilyn Monroe. Nessun nome, dunque, e, apparentemente, una casa che potrebbe essere ovunque. Ovunque, in questo porco mondo di periferie. Una finestra, come in un quadro di Hopper, divide gli spazi. Lì si guarda, lì si aspetta. Il luogo del vuoto e del sogno, della trepidazione e del silenzio. Del pensiero. Dentro, fuori. Fuori, dentro. Non si è mai veramente dove si è. Gli occhi scorgono, oltre il vetro, una sopraelevata, i binari del tram e case, case, case. Case ovunque. Ci sembra di vederle illuminate le finestre di queste case. Le luci di Natale confondono gli occhi. Caldo dentro e freddo fuori. E non si sa quanto sia vero l’uno e finto l’altro.
Chiusi in questa stanza-gabbia-tomba, questa Marilyn da quattro soldi celebra per il suo uomo la festa di Natale. Ha organizzato tutto o forse segue solo l’istinto di una notte. Una notte senza grazia. Non si sa.
Lui la segue perché non riuscirebbe a fare nient’altro. La segue perché di questo porco mondo, di questa porca città, è il primo degli abitanti. È accecato da desideri e sensi di colpa che si mischiano a velocità inaudite, scopre, sulla sua pelle, che a volte amare significa divorare. La carne è sangue, si dice. E il sangue dà alla testa, dà alla testa soprattutto alle spose baccanti che, senza tirso, in questo disfacimento di inizio nuovo millennio pensano che tante cose siano possibili, ma una sola necessaria. E, dunque, eccola, la baccante stremata, la bambola rotta, questa carne scempia alla ricerca di carne empia, trascinare quest’uomo giù, sempre più giù. E lui è lì e non è lì. È lì e vorrebbe essere altrove. È lì e pensa ad altro.

Noi, quando usciamo dal teatro, li immaginiamo al centro di quella stanza, senza porte, senza vie d’uscita. E davvero non si capisce chi sia più vivo e chi sia più morto. Dopo tanto strepitare, finalmente, il silenzio. La neve scende. Nessuno sembra essersi accorto di niente. Noi li guardiamo, da lontano, e pensiamo: quanto è feroce, quanto è accecante la sensualità delle vite disperate.


Orario: martedì - sabato ore 21.00 e la domenica ore 17.45


TeatroBasilica
Dal 22 al 27 novembre 2022

PORCO MONDO
drammaturgia Francesca Macrì e Andrea Trapani regia Francesca Macrì con Aida Talliente e Andrea Trapani disegno luci Luigi Biondi



domenica 20 novembre 2022

“Musica al centro delle periferie”



 
Marcello Panni dirige il concerto ad ingresso gratuito di Roma Sinfonietta per la serie “Musica al centro delle periferie”, lunedì 21 novembre alle 21 al Teatro Tor Bella Monaca (via Bruno Cirino 5). Il concerto è dedicato alla musica ai confini tra classica e leggera. Con la partecipazione di due solisti di rango, il sassofonista Marco Guidolotti e il pianista Antonello Maio.

Spesso si pensa che la musica leggera e la classica siano due mondi separati e che i compositori classici abbiano un atteggiamento di superiorità verso la musica leggera. Non è così. Molti compositori classici – anche Mozart e Beethoven – non soltanto si sono ispirati alla popolare ma hanno composto essi stessi musica leggera, come canzoni e danze.
Questo concerto, intitolato “Ai confini della musica leggera”, propone una piacevole escursione tra la classica e la leggera, concentrandosi sugli ultimi cent’anni Si inizia con tre danze inserite da Igor Stravinskij nella sua Storia del soldato. Sono un tango, un valzer e un ragtime: quest’ultimo è uno dei primi esempi del successo del jazz – o meglio del progenitore del jazz – tra i musicisti e il pubblico europei. Di Stravinskij si ascolterà un altro Ragtime, questa volta non più concepito come un breve momento inserito in un più ampio (ed eccentrico) pezzo teatrale, ma promosso a brano autonomo.
Non poteva mancare George Gershwin, che ha preso moltissimo o dal mondo del jazz, del musical e della canzone. Si ascolteranno quattro sue canzoni, che furono degli straordinari successi all’epoca ma che ancora oggi sono famose: Oh Lady be goodA foggy Day,  I got Rhytm e They can’t take that away from me.
Dalla prima metà del Novecento si passa agli ultimi decenni con Francesco Pennisi, compositore siciliano scomparso prematuramente a Roma nel 2000, artista poliedrico, squisito, affascinante: tra la musica che ci ha lasciato spicca La Paloma, un adattamento per pianoforte e quartetto d’archi della celeberrima canzone spagnola (ma la rivendicano anche i messicani) scritta verso il 1850 ed ancora oggi molto popolare. Ne hanno fatto una propria versione anche Harry Belafonte, Elvis Presley, Gabriela Ferri, Julio Iglesias e altri notissimi cantanti.
Marcello Panni, che dirige il concerto, si è affermato sia come direttore che come compositore. È salito sul podio dell’Opéra di Parigi, dell’Opera di Stato di Vienna, del Bolshoi di Mosca, del Metropolitan di New York e di tante altre prestigiose orchestre e la sua musica è stata eseguita in importati teatri e sale da concerto in Italia e all’estero. Farà ascoltare prima i suoi Quattro Popsong, che riprendono canzoni di carattere diversissimo: Tu scendi dalle stele, Taranta indiavolata, Mamma la rondinella e Tempo d’estate. E poi tre sue danze: Tangomix, Tristezza Slow e Desire Ragtime.
 

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti. Prenotazioni al Teatro Tor Bella Monaca 06 2010579

Info: 06 3236104

Il progetto è realizzato con il sostegno del Ministero della Cultura - Direzione generale Spettacolo ed è vincitore dell'Avviso Pubblico Lo spettacolo dal vivo fuori dal Centro -Anno 2022 promosso da Roma Capitale - Dipartimento Attività Culturali.

sabato 19 novembre 2022

Nichi Vendola al Parioli


Lunedì 21 novembre Nichi Vendola sarà in scena al Teatro Il Parioli con Quanto Resta della Notte, parole versi e suoni in cerca di un giorno nuovo. Lo spettacolo di e con Nichi Vendola - che va in scena per la prima volta a Roma - suddiviso in otto capitoli poetici più una conclusione - prevede la proiezione di video curati dal fotografo e videomaker Mario Amura che accompagneranno le introduzioni in forma di monologo a ciascun capitolo. Le musiche di Populous e gli ambienti sonori di Fabio Cinicola inseguiranno Vendola nei suoi discorsi e con i suoi video

Otto capitoli, otto temi diversi:

La notte. Dove si parla della patria al singolare, dei nazionalisti e dei sovranisti e della patria al plurale di chi combatte la guerra, il razzismo, il maschilismo, il suprematismo in tutte le sue forme.

Il contagio. Dove si parla di noi al tempo del Covid, del distanziamento sociale, della virtualizzazione delle relazioni tra le persone.

La rimozione. Dove si parla della cultura dello stupro e del femminicidio, del potere maschile e della sua vocazione all’onnipotenza.

Lo strappo. Dove si parla di lesione della democrazia, di sospensione dei diritti fondamentali di libertà, di sequestro di persona e di tortura ad opera degli apparati dello Stato.

La sconfitta. Dove si parla della miseria della politica e della crisi delle parole della vita pubblica; di Ingrao e delle passioni che non muoiono.

La perdita. Dove si parla della morte, del peso delle assenze, della gioia del fare memoria.


Il ritorno. Dove si parla della patria di nascita, della casa, del paese, della famiglia, delle tombe più care, del tempo delle prime scoperte, della nostalgia.


L’amore. Dove si parla dell’amore, del figlio, della luce di un giorno nuovo, della fine dei sensi di colpa, dell’uscita dal ghetto, della nominazione di sé e dei propri sentimenti, del mettersi al mondo con il senso storico, politico, poetico del pride.


Lo spettacolo va in scena alle ore 21


TEATRO IL PARIOLI

Via Giosuè Borsi, 20

Lunedì 21 novembre

ore 21.0

QUANTO RESTA DELLA NOTTE Parole versi e suoni in cerca di un giorno nuovo

di e con Nichi Vendola


Video di Mario Amura

Supervisione musicale di Populous

Luci e organizzazione di Stefano Limone

Suoni di Fabio Cinicola

Assistente alla regia Elena Serra

si ringrazia Valter Malosti per l’amichevole collaborazione

Prodotto da Daniele Basilio e Silvio Maselli per Fidelio

Distribuzione di Corvino Produzioni



martedì 15 novembre 2022

Warum? al Teatro Palladium


Giovedì 17 novembre alle ore 19.00 il Teatro Palladium dell'Università Roma Tre è lieto di ospitare un evento speciale ad ingresso gratuito, promosso dall'Ambasciata della Repubblica Federale di Germania: il concerto del Quartetto Shaborùz, che eseguirà l’opera strumentale Warum? del compositore Luca Lombardi, scritto in memoria della Shoah, e il Quartetto per archi in sol maggiore op. 18 n. 2 di Ludwig van Beethoven.

  L’Ambasciatore Viktor Elbling: “Sono lieto e onorato di poter inaugurare il concerto insieme alla Presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello. Ricordiamo insieme gli orrori del passato e insieme ci adoperiamo per una convivenza pacifica in tutto il mondo e per la tolleranza, contro ogni forma di antisemitismo, odio e discriminazione.


Un evento in collaborazione con la Comunità Ebraica di Roma e con la Scuola di Musica di Fiesole, dalla quale proviene il quartetto Shaborúz, formazione nata nel 2017 sotto la guida del M° Edoardo Rosadini. È costituito da Angela Tempestini e Amedeo Ara al violino, Lisa Spinelli alla viola e Marina Margheri al violoncello. In seguito alla vincita del primo premio al Primo Concorso Internazionale Piero Farulli per Quartetti d’Archi Junior (2020), il gruppo è stato invitato a suonare in Quintetto con il presidente di commissione, il M° Bruno Giuranna, al Virtuoso & Belcanto Festival e al Festival di Suoni Riflessi (2021). Nel 2018, nel 2019 e nel 2021 è stato premiato dalla Scuola di Musica di Fiesole con tre borse di studio per merito come miglior quartetto. Ha partecipato a numerose manifestazioni pubbliche come l’anniversario dei 10 anni del Corriere Fiorentino, il Premio Cittadino Europeo presso Villa Salviati a Firenze, due Concerti al Tramonto per l’Estate Fiesolana e alle edizioni 2018 e 2019 di Strings City. Nel 2020, inoltre, il quartetto ha preso parte alla riapertura del Teatro Romano di Fiesole in occasione della Festa della musica. Si è esibito per l’Associazione “Amici della Musica di Modena” edizione 2019 e, nello stesso anno, a Palazzo Strozzi a Firenze nel Festival Fortissimissimo Metropolitano. Ha rappresentato la Scuola di Musica di Fiesole all’estero, prima a Siviglia nel 2018 e, successivamente, a Salvador de Bahia in Brasile nel 2020 in due concerti organizzati dall’associazione Orchestra Neojiba per il 250° anniversario della nascita di L. Van Beethoven. Nell’annualità 2018-2019 il gruppo è stato seguito presso l’Accademia Europea del Quartetto dai M° Nannoni, Giovaninetti, Schacher, Chorzelski e Aguera. Il quartetto ha inoltre frequentato masterclass con altri Maestri: a Siviglia con Vicente Huerta, al Livorno Music Festival con il Quartetto Klimt, al Virtuoso & Belcanto Festival con Bruno Giuranna, e all’interno della scuola con Simone Bernardini e Vera Martinez.

 

lunedì 14 novembre 2022

“Musica al centro delle periferie” al Teatro Don Bosco


Concerto ad ingresso gratuito di Roma Sinfonietta per la serie “Musica al centro delle periferie”, dedicato alle musiche scritte da Ennio Morricone per i film di Giuseppe Tornatore, martedì 15 novembre alle 20 al Teatro Don Bosco
 (via Publio Valerio 63).

Il primo incontro tra Ennio Morricone e Giuseppe Tornatore è stato nel 1988 per Nuovo cinema Paradiso, che vinse l’Oscar come miglior film straniero nel 1990. Da allora Morricone ha scritto la musica di tutti i film di Tornatore e tra i due nacque anche una sincera e profonda amicizia, nonostante la grande differenza d’età. Oltre alle musiche per Nuovo cinema Paradiso, in questo concerto si ascolteranno quelle per La migliore offerta, Malena, Una pura formalità, La domenica specialmenteL’uomo delle stelle, La leggenda del pianista sull’oceano, La s sconosciuta e Stanno tutti bene. Non resta che abbandonarsi al piacere di riascoltare questa musica nell’interpretazione di quella straordinaria cantante che è Raffaela Siniscalchi e di un quintetto strumentale formato da Pasquale Laino (sax e anche autore degli arrangiamenti) Gabriele Coen (sax e clarinetto), Alessio Gwis (pianoforte), Marco Loddo (basso) e Vittorino Naso (batteria e percussioni).
 
Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti. Prenotazioni al Teatro Don Bosco ccsroma-comunicazione@donbosco.it

Info: 06 3236104

Il progetto è realizzato con il sostegno del Ministero della Cultura - Direzione generale Spettacolo ed è vincitore dell'Avviso Pubblico Lo spettacolo dal vivo fuori dal Centro -Anno 2022 promosso da Roma Capitale - Dipartimento Attività Culturali

mercoledì 5 gennaio 2022

Il Folletto Ciabattino

 

Non poteva che essere uno spettacolo dedicato ai bambini quello in programma al Teatro Le Maschere dal 6 al 16 gennaio 2022, si tratta  de Il Folletto Ciabattino scritto e diretto da Gigi Palla che porta sul palco alcune delle fiabe famose. 

Tema comune sono le scarpe: scarpe magiche, come quelle d'argento di Dorothy nel Mago di Oz, o gli stivali del gatto di Perrault; scarpe che ballano come quelle piccole e rosse di Andersen, o come quelle logore dei fratelli Grimm; e non è forse una scarpa che aiuta il principe a ritrovare la sua amata Cenerentola? E che dire delle galosce che esaudiscono desideri ma non danno la felicità a tutti quelli che le provano?



Come Queste le favole che il ciabattino ama raccontare alla sua signora, unico problema è che a forza di raccontarle si distrae e mai riesce a terminare per tempo il suo lavoro. 
Il lavoro è pronto ma siamo nel mondo delle favole e allora col calare della notte ecco che arriva un misterioso folletto di nome Leprechaun a togliere le castagne dal fuoco al vecchio ciabattino: e questo per tante notti fino al sopraggiungere della magica notte di Natale 

Lo spettacolo è in programma il sabato e la domenica alle ore 16.00, per accedere è necessaria la prenotazione lo spettacolo ha la durata di circa un'ora ed è adatto ad un pubblico fra i 3 e i 7 anni

Biglietto € 12,00
Info e prenotazioni: 
tel. 06 58330817, e-mail: info@teatrolemaschere.it

lunedì 3 gennaio 2022

I brutti anatroccoli

 Con l’arrivo del nuovo anno prosegue la Rassegna Infanzie e adolescenze in gioco 2022 con spettacoli di teatro, musica, danza e circo sociale adatti a tutta la famiglia.



Dopo i primi tre mesi di spettacoli per bambini inizia la seconda parte della stagione, l’appuntamento è il sabato e la domenica alle ore 16.30 a Centrale Preneste Teatro in zona Pigneto-Malatesta a Roma (Via Alberto da Giussano, 58). La rassegna, organizzata da Ruotalibera/Centrale Preneste Teatro per le nuove generazioni, è giunta al suo undicesimo anno e per questa seconda parte prevede in cartellone 16 spettacoli fino ad aprile. Oltre alla compagnia residente (Ruotalibera Teatro), saranno sul palco di Centrale Preneste alcune delle principali compagnie di teatro per ragazzi provenienti da tutta Italia. Gli appuntamenti con le compagnie ospiti sono tanti: Stilema Unoteatro in arrivo da Torino (8 e 9 gennaio), Roberto Anglisani/CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia da Udine (15 e 16 gennaio), Teatro Evento da Vignola, Modena, (22 e 23 gennaio), Fratelli di Taglia da Riccione (5 e 6 febbraio), Pandemonium Teatro da Bergamo (19 e 20 febbraio), TPO in coproduzione con il Teatro Metastasio di Prato (5 e 6 marzo) e infine Sergio Bini, in arte Bustric, da Firenze (19 e 20 marzo).

Il primo spettacolo di questa seconda parte di stagione è in programma sabato 8 e domenica 9 gennaio alle ore 16.30: Stilema Unoteatro in arrivo da Torino porta in scena I brutti anatroccoli. Il lavoro, teatro d’attore e pupazzi, è liberamente ispirato alla fiaba di Hans Christian Andersen ed è di e con Silvano Antonelli. Tra papere con gli occhiali, strumenti musicali divertenti e poetiche suggestioni, lo spettacolo cerca di emozionare intorno all'idea che tutti, ma proprio tutti, possano rendere la propria debolezza una forza. Un modo per alzare gli occhi e guardare il grande cielo che ci circonda. Quel cielo nel quale la vita, qualunque vita, ci chiede di provare a volare.


Lo spettacolo è adatto dai 3 ai 10 anni. Il costo del biglietto è per tutti di 6 euro.

domenica 2 gennaio 2022

Mirabilia of Music

  

Ultimo appuntamento per la seconda edizione di Mirabilia of Music - la Musica apre i Musei, un percorso emozionale tra arte e musica che la Direzione Musei Statali della Città di Roma diretta da Mariastella Margozzi, propone per riscrivere le geometrie dei luoghi e restituirli a un nuovo sguardo attraverso le sonorità barocche, jazz o le moderne sperimentazioni. 




La rassegna Mirabilia of Music - la Musica apre i Musei è curata e organizzata da Anna Selvi della Direzione Musei Statali della Città di Roma. 


È definitivamente spostato al Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo il 6 gennaio ore 17.00 il concerto Khalab Live 4tet, precedentemente annunciato per il 2 gennaio al Santuario etrusco dell’Apollo Veio, a causa dell’incerta situazione meteorologica. 


Attraverso il suo progetto Khalab, Raffaele Costantino promuove la musica black di matrice jazz e afroamericana, le sue infinite contaminazioni, influenze e declinazioni dimostrando una versatilità che gli permette di poter calcare palchi importanti in ambito jazz come in ambito più elettronico, 


La formazione base è in trio: oltre Khalab – elettronica, il sassofonista e compositore Pietro Santangelo (già al fianco dei Nu Genea) e il batterista Fabio Sasso - entrambi musicisti della scuderia Hyperjazz, label e factory creativa guidata dallo stesso Costantino. In occasione di questo concerto si aggiunge anche il bassista di Washington Ameen Saleem, uno dei maggiori talenti della scena jazz internazionale e membro della Roy Hargrove band.


martedì 21 settembre 2021

Itinerari musicali 2021

Al Teatro Tor Bella Monaca arrivano gli “Itinerari musicali 2021” dell’Associazione Roma Sinfonietta con tre concerti in programma nell’ultimo weekend di settembre 



Si comincia venerdì 24 settembre con “Omaggio a Roma: un viaggio nella canzone romana” con il Triollallero. Insieme a Raffaela Siniscalchi - una delle più interessanti ed eclettiche voci del panorama italiano, che fa parte della Compagnia della Luna di Nicola Piovani ed ha avuto l’onore di registrare con Ennio Morricone – i membri di questo trio sono il chitarrista Massimo Antonietti e il fisarmonicista Denis Negroponte

Si inizia con Tanto pe’ cantà di Petrolini e si prosegue con tante altre indimenticabili canzoni, come Barcarolo romano, Le MantellateTe possino da’ tante cortellateSinnò me moro, Roma nun fa’ la stupida stasera.

Sabato 25 settembre è la volta di “Rock Story da Jimi Hendrix ad oggi” con il quartetto formato da Rocco Zifarelli e Nicola Costa alla chitarra elettrica, Marco Siniscalco al basso elettrico e Marco Rovinelli alla batteria

Lo spirito con cui è nato questo progetto musicale, che riunisce alcuni dei migliori chitarristi italiani, è fare il punto sullo stato dell’arte della chitarra elettrica. Verrà ripercorsa la storia di questo strumento a partire da Jimi Hendrix, l’interprete del suono distorto, colui che è passato dal rock’n roll al rock e basta, arrivando anche all’hard rock, fino a precorrere l’heavy metal, con la forza espressiva fenomenale del rock moderno.

Domenica 26 settembre gran finale con “L’anno che verrà” un omaggio a Lucio Dalla offerto da tre grandi interpreti: Peppe Servillo (voce), Javier Girotto (sax soprano e baritono) e Natalio Mangalavite (pianoforte, tastiere e voce). Un omaggio che è al tempo stesso un viaggio attraverso i capolavori di uno dei grandi della canzone italiana di tutti i tempi

Saranno puntualmente rispettate tutte le normative in vigore per la prevenzione del Covid-19.


Dal 24 al 26 settembre

Teatro Tor Bella Monaca
 via Bruno Cirino

Itinerari musicali 2021

Biglietti 

intero € 10 

ridotto € 7,50 (over 65) e € 5 (under 26). 

Prenotazione obbligatoria

Orario

Venerdì e sabato ore 21
Domenica ore 18 

Tel. 06 2010579 – 06 3236104.

Il progetto, promosso da Roma Culture, è vincitore dell'Avviso pubblico Estate Romana 2020-2021-2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE.


di via Bruno Cirino.

lunedì 20 settembre 2021

‘Dal Tramonto all’Appia. Around Jazz’

 

Una scenografia naturale spettacolare, grandi concerti con volti noti della musica e del cinema italiano, un nuovo Village con angolo food&beverage, e il fascino dell'Appia Antica.



Questi gli ingredienti della 2a edizione del Rassegna “Dal Tramonto all'Appia - Around Jazz”, promossa dal Parco Archeologico dell'Appia Antica (Ministero della Cultura) in collaborazione con il Parco Regionale dell'Appia Antica (Regione Lazio) con la direzione artistica di Fabio Giacchetta.

Dal 1° al 10 ottobre, un cartellone di grandi artisti tra cui Alessandro Haber con Ramberto Ciammarughi, John De Leo con Roberto Gatto, Rita Marcotulli e Serena Brancale ospiti di Israel Varela, Fabrizio Bosso con Fabio Zeppetella, Stefano Di Battista con Stefania Tallini, Seamus Blake, Gegè Telesforo, Javier Girotto, Max Ionata, Flavio Boltro, Ares Tavolazzi. Il programma completo lo trovate qui 

Già lo scorso anno, durante una indimenticabile prima edizione piena di consensi e di sold out, il Mausoleo di Cecilia Metella (via Appia Antica 161) ha incantato il pubblico divenendo cornice mozzafiato del palco allestito nel Castrum Caetani. Un’occasione unica per immergersi nella storia e nella bellezza della via Appia Antica, avvolti dal fascino della campagna romana.

Novità di quest’anno, l'allestimento di un'area Village all'aperto, con angoli dedicati all'accoglienza del pubblico, al food&beverage e agli incontri con gli artisti e un’area per i concerti, con una speciale copertura a prova di pioggia a protezione del palco e della platea.


Un cartellone eclettico e multistilistico caratterizza questa edizione 2021, con una grande attenzione alla voce, filo conduttore della Rassegna nelle sue varie declinazioni e sfaccettature: dalla narrazione al jazz tradizionale, dal prog alla sperimentazione.


  • 1 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21 il grande pianista Antonio Faraò, che che salirà sul palco in trio con Mauro Battisti e Vladimir Kostadinovic.
  • 2 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21  con John De Leo e Roberto Gatto,  con il loro ensemble “Progressivamente” formato con Alessandro Presti, Marcello Allulli, Andrea Molinari, Alessandro Gwis, Pierpaolo Ranieri.
  • 3 ottobre ore 21 in scena l'attore Alessandro Haber protagonista dello spettacolo “Johann dalle Nuvole” di Ramberto Ciammarughi: uno dei più geniali pianisti e compositori della musica italiana. Insieme a loro uno speciale ensemble costituito da Gianni Maestrucci, Leonardo Ramadori, Francesco D'Oronzo, Angelo Lazzeri, Samuele Martinelli e Stefano Mora. 
  • 4 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21 Il trombettista Fabrizio Bosso con il grande Fabio Zeppetella alla guida di un quintetto completato da Roberto Tarenzi, Jacopo Ferrazza e Fabrizio Sferra
  • 5 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21 il sassofonista Javier Girotto con il suo progetto “Pasos”, in quartetto con Francesco Nastro, Luca Bulgarelli e Giuseppe La Pusata
  • 6 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21 Cinzia Tedesco con il suo “Jazz Trip”, insieme a tre fuoriclasse della musica italiana: Stefano Sabatini, Luca Pirozzi e Pietro Iodice
  • 7 ottobre ore 19 Seamus Blake, il sassofonista britannico-canadese  si esibirà insieme a due eccellenti musicisti brasiliani: il percussionista Reinaldo Santiago e il chitarrista Nelson Veras . Alle 21, “Three Generation” con una grande band: Flavio Boltro e Simone La Maida, ospiti del trio di Leo Caligiuri, Ares Tavolazzi e “Checco” Capiozzo 
  • 8 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21  Gegè Telesforo, che ospiterà il grande sassofonista Max Ionata insieme al suo quartetto completato da Domenico Sanna, Luca Bulgarelli e Michele Santolieri. 
  • 8 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21  con una delle pianiste più interessanti del jazz italiano: Stefania Tallini, con il suo trio “Uneven” insieme al bassista Matteo Bortone e al batterista Gregory Hutchinson. Special guest, il grande sassofonista Stefano Di Battista
  • 9 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21 omaggio alla pittrice Frida Kahlo, firmato dal travolgente batterista e cantante messicano Israel Varela: insieme a lui sul palco, oltre ad un quartetto d’archi, la ballerina di flamenco Nazaret Reyes, la grande Rita Marcotulli, la cantante Serena Brancale, il contrabbassista Jacopo Ferrazza e il giovane prodigio Josei Varela alle tastiere. 

Oltre ai programmi serali anche una serie di concerti la mattina che si terranno nei week-end alle ore 11, ambientati nella suggestiva Chiesa di San Nicola antistante al Mausoleo di Cecilia Metella. 

  • 2 ottobre Mafalda Minnozzi 
  • 3 ottobre e Susanna Stivali 
  • 9 ottobre Simone Locarni, insieme a Fabrizio Sferra 
  • 10 ottobre Yuri Goloubev e il quartetto di Lorenzo Bisogno feat. Massimo Morganti