martedì 21 settembre 2021

Itinerari musicali 2021

Al Teatro Tor Bella Monaca arrivano gli “Itinerari musicali 2021” dell’Associazione Roma Sinfonietta con tre concerti in programma nell’ultimo weekend di settembre 



Si comincia venerdì 24 settembre con “Omaggio a Roma: un viaggio nella canzone romana” con il Triollallero. Insieme a Raffaela Siniscalchi - una delle più interessanti ed eclettiche voci del panorama italiano, che fa parte della Compagnia della Luna di Nicola Piovani ed ha avuto l’onore di registrare con Ennio Morricone – i membri di questo trio sono il chitarrista Massimo Antonietti e il fisarmonicista Denis Negroponte

Si inizia con Tanto pe’ cantà di Petrolini e si prosegue con tante altre indimenticabili canzoni, come Barcarolo romano, Le MantellateTe possino da’ tante cortellateSinnò me moro, Roma nun fa’ la stupida stasera.

Sabato 25 settembre è la volta di “Rock Story da Jimi Hendrix ad oggi” con il quartetto formato da Rocco Zifarelli e Nicola Costa alla chitarra elettrica, Marco Siniscalco al basso elettrico e Marco Rovinelli alla batteria

Lo spirito con cui è nato questo progetto musicale, che riunisce alcuni dei migliori chitarristi italiani, è fare il punto sullo stato dell’arte della chitarra elettrica. Verrà ripercorsa la storia di questo strumento a partire da Jimi Hendrix, l’interprete del suono distorto, colui che è passato dal rock’n roll al rock e basta, arrivando anche all’hard rock, fino a precorrere l’heavy metal, con la forza espressiva fenomenale del rock moderno.

Domenica 26 settembre gran finale con “L’anno che verrà” un omaggio a Lucio Dalla offerto da tre grandi interpreti: Peppe Servillo (voce), Javier Girotto (sax soprano e baritono) e Natalio Mangalavite (pianoforte, tastiere e voce). Un omaggio che è al tempo stesso un viaggio attraverso i capolavori di uno dei grandi della canzone italiana di tutti i tempi

Saranno puntualmente rispettate tutte le normative in vigore per la prevenzione del Covid-19.


Dal 24 al 26 settembre

Teatro Tor Bella Monaca
 via Bruno Cirino

Itinerari musicali 2021

Biglietti 

intero € 10 

ridotto € 7,50 (over 65) e € 5 (under 26). 

Prenotazione obbligatoria

Orario

Venerdì e sabato ore 21
Domenica ore 18 

Tel. 06 2010579 – 06 3236104.

Il progetto, promosso da Roma Culture, è vincitore dell'Avviso pubblico Estate Romana 2020-2021-2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE.


di via Bruno Cirino.

lunedì 20 settembre 2021

‘Dal Tramonto all’Appia. Around Jazz’

 

Una scenografia naturale spettacolare, grandi concerti con volti noti della musica e del cinema italiano, un nuovo Village con angolo food&beverage, e il fascino dell'Appia Antica.



Questi gli ingredienti della 2a edizione del Rassegna “Dal Tramonto all'Appia - Around Jazz”, promossa dal Parco Archeologico dell'Appia Antica (Ministero della Cultura) in collaborazione con il Parco Regionale dell'Appia Antica (Regione Lazio) con la direzione artistica di Fabio Giacchetta.

Dal 1° al 10 ottobre, un cartellone di grandi artisti tra cui Alessandro Haber con Ramberto Ciammarughi, John De Leo con Roberto Gatto, Rita Marcotulli e Serena Brancale ospiti di Israel Varela, Fabrizio Bosso con Fabio Zeppetella, Stefano Di Battista con Stefania Tallini, Seamus Blake, Gegè Telesforo, Javier Girotto, Max Ionata, Flavio Boltro, Ares Tavolazzi. Il programma completo lo trovate qui 

Già lo scorso anno, durante una indimenticabile prima edizione piena di consensi e di sold out, il Mausoleo di Cecilia Metella (via Appia Antica 161) ha incantato il pubblico divenendo cornice mozzafiato del palco allestito nel Castrum Caetani. Un’occasione unica per immergersi nella storia e nella bellezza della via Appia Antica, avvolti dal fascino della campagna romana.

Novità di quest’anno, l'allestimento di un'area Village all'aperto, con angoli dedicati all'accoglienza del pubblico, al food&beverage e agli incontri con gli artisti e un’area per i concerti, con una speciale copertura a prova di pioggia a protezione del palco e della platea.


Un cartellone eclettico e multistilistico caratterizza questa edizione 2021, con una grande attenzione alla voce, filo conduttore della Rassegna nelle sue varie declinazioni e sfaccettature: dalla narrazione al jazz tradizionale, dal prog alla sperimentazione.


  • 1 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21 il grande pianista Antonio Faraò, che che salirà sul palco in trio con Mauro Battisti e Vladimir Kostadinovic.
  • 2 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21  con John De Leo e Roberto Gatto,  con il loro ensemble “Progressivamente” formato con Alessandro Presti, Marcello Allulli, Andrea Molinari, Alessandro Gwis, Pierpaolo Ranieri.
  • 3 ottobre ore 21 in scena l'attore Alessandro Haber protagonista dello spettacolo “Johann dalle Nuvole” di Ramberto Ciammarughi: uno dei più geniali pianisti e compositori della musica italiana. Insieme a loro uno speciale ensemble costituito da Gianni Maestrucci, Leonardo Ramadori, Francesco D'Oronzo, Angelo Lazzeri, Samuele Martinelli e Stefano Mora. 
  • 4 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21 Il trombettista Fabrizio Bosso con il grande Fabio Zeppetella alla guida di un quintetto completato da Roberto Tarenzi, Jacopo Ferrazza e Fabrizio Sferra
  • 5 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21 il sassofonista Javier Girotto con il suo progetto “Pasos”, in quartetto con Francesco Nastro, Luca Bulgarelli e Giuseppe La Pusata
  • 6 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21 Cinzia Tedesco con il suo “Jazz Trip”, insieme a tre fuoriclasse della musica italiana: Stefano Sabatini, Luca Pirozzi e Pietro Iodice
  • 7 ottobre ore 19 Seamus Blake, il sassofonista britannico-canadese  si esibirà insieme a due eccellenti musicisti brasiliani: il percussionista Reinaldo Santiago e il chitarrista Nelson Veras . Alle 21, “Three Generation” con una grande band: Flavio Boltro e Simone La Maida, ospiti del trio di Leo Caligiuri, Ares Tavolazzi e “Checco” Capiozzo 
  • 8 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21  Gegè Telesforo, che ospiterà il grande sassofonista Max Ionata insieme al suo quartetto completato da Domenico Sanna, Luca Bulgarelli e Michele Santolieri. 
  • 8 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21  con una delle pianiste più interessanti del jazz italiano: Stefania Tallini, con il suo trio “Uneven” insieme al bassista Matteo Bortone e al batterista Gregory Hutchinson. Special guest, il grande sassofonista Stefano Di Battista
  • 9 ottobre ore 19 e in replica alle ore 21 omaggio alla pittrice Frida Kahlo, firmato dal travolgente batterista e cantante messicano Israel Varela: insieme a lui sul palco, oltre ad un quartetto d’archi, la ballerina di flamenco Nazaret Reyes, la grande Rita Marcotulli, la cantante Serena Brancale, il contrabbassista Jacopo Ferrazza e il giovane prodigio Josei Varela alle tastiere. 

Oltre ai programmi serali anche una serie di concerti la mattina che si terranno nei week-end alle ore 11, ambientati nella suggestiva Chiesa di San Nicola antistante al Mausoleo di Cecilia Metella. 

  • 2 ottobre Mafalda Minnozzi 
  • 3 ottobre e Susanna Stivali 
  • 9 ottobre Simone Locarni, insieme a Fabrizio Sferra 
  • 10 ottobre Yuri Goloubev e il quartetto di Lorenzo Bisogno feat. Massimo Morganti 

sabato 18 settembre 2021

Agata e la Regina a Palazzo Merulana

 Sarà in scena domenica 19 settembre alle ore 17,00 a Palazzo Merulana- nell'ambito del Festival della Letteratura di Viaggio XII edizione - la lettura drammatizzata dal titolo Agata e la Regina di Pier Luigi Razzano, con Euridice Axen interprete e regista.



Agata e la Regina è andato in scena a luglio a Napoli, nell'ambito del Campania Teatro Festival diretto da Ruggero Cappuccio, ed è stato uno degli appuntamenti de "Il Sogno Reale" un progetto dello stesso Ruggero Cappuccio a cura di Marco Perillo, dedicato alle meraviglie dell’epoca borbonica. Un focus su un periodo storico senza precedenti, i cui fasti e i cui primati, a Napoli come nel resto del Sud Italia, attraggono, incantano e accendono riflessioni ancor oggi. La produzione è della Fondazione Campania dei Festival – Campania Teatro Festival.

In occasione dell'allestimento dello spettacolo a Palazzo Merulana, introdurranno la lettura Ruggero Cappuccio e Nadia Baldivice-direttrice artistica Fondazione Campania dei Festival.

Euridice Axen interpreta dunque “Agata e la regina”, la storia di una giovane e del suo incontro speciale, che Pier Luigi Razzano ambienta nel 1836. Agata è stata trovata con oro e gioielli in fila al Monte di Pietà. Accusata di essere una ladra, in una notte spaventosa rievoca l’ultimo anno per ritrovare un senso profondo. La sua vita era sempre stata semplice, dedita alla cura costante del padre, un grande artigiano di porcellane che non riesce più a creare come un tempo e vive con lei nel Casino della Capraia del Real Bosco di Capodimonte. Un giorno, in una zona solitaria del bosco, Agata incontra una figura misteriosa: è la regina Maria Cristina di Savoia, moglie di Ferdinando II di Borbone, donna dall’atteggiamento accogliente e benevolo che verrà travolta dalla sua figura rivoluzionaria.

venerdì 10 settembre 2021

Skunk Anansie in concerto a Roma

Torna in Italia una delle rock band britanniche più grandi di tutti i tempi, acclamata da pubblico e critica: gli Skunk Ansie nella line up di ROCK IN ROMA, che si esibirà in concerto alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma il prossimo 29 giugno 2022 alle ore 21

La frontwoman Skin è diventata una delle più importanti icone musicali femminili a livello mondiale e non solo: attivista, pioniera per le donne nell’industria musicale, modella e musa per molti designer.

Il concerto romano è solo una tappa di un tour che porterà la  band sui palchi di tutta Europa per celebrare e ripercorrere 25 anni di carriera

 

I biglietti sono già disponibili online su ticketone.it e nei punti vendita Ticketone 

 

SKUNK ANANSIE

ROCK IN ROMA – AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA, CAVEA

29 GIUGNO 2022

 

Orari

Aperture porte: h 19:30

Inizio concerto: h 21:00

 

Prezzi dei biglietti

Parterre in piedi: € 40,00 + € 6,00 D.P.

Tribuna centrale: € 50,00 + € 7,50 D.P.

Tribuna mediana: € 40,00 + € 6,00 D.P.

Tribuna laterale: € 30,00 + € 4,50 D.P.

Tribuna alta: € 30,00 + € 4,50 D.P.


 

.

 

SKUNK ANANSIE

29 GIUGNO 2022

ROCK IN ROMA – AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA, CAVEA

 

Prezzi dei biglietti

Parterre in piedi: € 40,00 + € 6,00 D.P.

Tribuna centrale: € 50,00 + € 7,50 D.P.

Tribuna mediana: € 40,00 + € 6,00 D.P.

Tribuna laterale: € 30,00 + € 4,50 D.P.

Tribuna alta: € 30,00 + € 4,50 D.P.

Orari

Aperture porte: h 19:30

Inizio concerto: h 21:00

giovedì 3 giugno 2021

La Cordigliera dei sogni, dal 10 giugno al cinema

 

La Cordigliera dei sogni, il film cileno che all’ultimo Festival di Cannes ha avuto un ottimo riscontro di pubblico e critica, arriva nelle sale cinematografiche italiane a partire dal prossimo 10 giugno. Un film che chiude la trilogia che il regista cileno Patricio Guzmán dedicata alla sua terra offrendo al pubblico il Cile visto attraverso il suo sguardo, svelandone l’anima più profonda e nascosta.



Come si può intuire dal titolo, protagoniste del film sono le montagne, le alte cime della Cordigliera andina, cariche di una moltitudine di significati simbolici, spesso contraddittori, stratificati come la roccia.

Per il regista cileno La Cordigliera dei sogni è un viaggio nel suo passato, un ritorno nostalgico e a tratti onirico nel cuore della sua terra.

La poesia visiva del paesaggio si sovrappone alle testimonianze dei cittadini cileni, che rivivono i loro ricordi della dittatura di Pinochet: le voci umane si fondono con quella silente della roccia, in un commovente grido di avvertimento alle nuove generazioni, affinché non si rassegnino e non smettano di sperare nel futuro.

sabato 8 maggio 2021

La Casa del Cinema rende omaggio ad Alida Valli

La Cineteca nazionale festeggia il centenario della nascita di Alida Valli. L'attrice era nata nata a Pola il 31 maggio 1921 con il nome di Alida Maria Laura Altenburger


Una celebrazione che si svolge come è giusto che sia, con una rassegna che ha l’ambizione di proporre un originale percorso cinematografico di un’attrice più unica che rara. 

Dino Risi l'ha definita come l’attrice più amata dagli italiani, che ha avuto una carriera straordinaria che dal va cinema dei telefoni bianchi a quello hollywoodiano, per poi rimettersi coraggiosamente in discussione con importanti autori (Visconti, Antonioni, Pasolini, Bertolucci, Pontecorvo, Brusati, Zurlini, Argento, ecc,). 

La sua vita poi s’intreccia indissolubilmente con quella del Centro Sperimentale di Cinematografia dove è entrata nel 1936 e diversi anni dopo con il capolavoro di Soldati, Piccolo mondo antico (1941), ha vinto la coppa Volpi. 

A vestirla è stato il grande costumista e scenografo per il cinema e per il teatro Gino Carlo Sensani che dal 1935 fino alla sua morte nel 1947 ha tenuto la cattedra di costume al Centro Sperimentale di Cinematografia. E l’aula di costume del Centro è non a caso dedicata a lui e a Maria de Matteis. 

Proprio come gli strani fili della vita e dell’arte che s’intrecciano, è stata poi proprio la Biblioteca Luigi Chiarini a ospitare e archiviare il preziosissimo fondo dell’attrice che rappresenta per gli storici un’occasione unica ed eccezionale perché permette di recuperare e di incrociare una grande quantità e qualità di fonti per rivisitare la carriera di Valli e studiare per la prima volta aspetti della sua vita e del suo divismo, che finora erano rimasti sconosciuti o inaccessibili ai ricercatori. 

Il Fondo Alida Valli, donato dai figli Carlo e Lorenzo De Mejo alla Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia tra il 2015 e il 2016, ha permesso la realizzazione di quel magnifico Bianco e nero n. 586 dedicato interamente all’attrice. 

Questo il programma: delle proiezioni

Lunedì 10 maggio

ore 16:00 Luce nelle tenebre di Mario Mattoli (1941, 83’)
ore 18:00 Piccolo mondo antico di Mario Soldati (1941, 106’)

Lunedì 17

ore 16.00 La vita ricomincia di Mario Mattoli (1945, 89’)

ore 18:00 Senso di Luchino Visconti (1954, 121’)


Lunedì 24 maggio

ore 16:00 Il grido di Michelangelo Antonioni (1957, 115’)

ore 18.00 Strategia del ragno di Bernardo Bertolucci (1970, 98’)

 

Lunedì 31 maggio

ore 16:00 Il caso Raoul di Maurizio Ponzi (1974, 103’)

ore 18:00 La luna di Bernardo Bertolucci (1979, 140’)


I festeggiamenti per Alida Valli dopo il mese di maggio maggio proseguiranno anche ad agosto, quando durante la programmazione estiva dell’Arena della Casa del Cinema, verrà proiettato il toccante documentario di Mimmo Verdesca Alida (2020).

10 – 31 maggio 2021

Casa del Cinema

Alida 100

giovedì 6 maggio 2021

Giorgio Colangeli recita Dante a Memoria

Tutta la Divina Commedia recitata a memoria, questa la fantastica impresa in cui si cimenterà l’attore Giorgio Colangeli, tra i pochissimi ad aver imparato l’intera opera a memoria. La rappresentazione, che rientra nel più ampio programma per la celebrazione di Dante Alighieri si terrà al Teatro Argentina da lunedì 10 a giovedì 13 maggio. 



Una sorta di maratona dantesca scandita da un programma ben preciso: l’attore dedicherà due performance a Inferno e Purgatorio – rispettivamente lunedì 10 e martedì 11 maggio (ore 10.30 prima parte e ore 18 seconda parte) e tre al Paradiso mercoledì 12 maggio (ore 10.30 prima parte e ore 18 seconda parte) e giovedì 13 maggio (dalle 18.00 terza parte)

.

Il viaggio speciale del progetto DANTE A MEMORIA “Perché di lor memoria sia”, tra le lectio introdotte da Paolo Di Paolo e il ciclo di laboratori a cura del Piero Gabrielli, passa ora per la poesia detta, evocando un passato in cui le terzine dantesche erano patrimonio orale di ogni strato della popolazione, attraverso sette incontri in un doppio appuntamento fra mattina e pomeriggio, che si addentreranno nel capolavoro dantesco per farne risuonare e vibrare il familiare eppur misterioso ritmo poetico.


Giorgio Colangeli si cimenta in un corpo a corpo con il testo dell’immenso cantore affrontato nella sua integrità, che diventa suono, oralità, flusso cui abbandonarsi, rivivendone e riscoprendone il detto in un rituale teatrale collettivo. .


I costumi di scena, che fanno riferimento alle categorie professionali dei vigili del fuoco, della protezione civile e degli infermieri, saranno il punto di contatto con un oggi in cui la parola dantesca è più che mai fondamentale per rinnovare la comprensione della nostra esistenza; in questa chiave, la poesia detta della Commedia viaggerà in un mondo nuovo, moderno, rappresentando così le categorie che accompagnano noi tutti nel viaggio terreno e che ci aiutano nei momenti di difficoltà e di cura.

Il progetto artistico dell’evento, prodotto dal Teatro di Roma, è curato dallo stesso Colangeli con la complicità di Marco Maltauro, le musiche di Diego Dall’Osto e i contributi musicali di Tommaso Cuneo alla chitarra e Vincenzo Di Sanzo alla zampogna.


Teatro di Roma - Teatro Argentina

Inferno I e II Parte lunedì 10 maggio (ore 10.30 / ore 18.00)

Purgatorio I e II Parte martedì 11 maggio (ore 10.30 / ore 18.00)

Paradiso I e II Parte  mercoledì 12 maggio (ore 10.30 / ore 18.00)

Paradiso III Parte  giovedì 13 maggio (ore 18.00)


martedì 4 maggio 2021

Primo ciak a Roma per la serie "Fosca Innocenti"

Banijay Studios Italy, società di produzione guidata dal CEO Paolo Bassetti e dall'Head of Drama Massimo Del Frate, conferma l'inizio delle riprese della nuova serie televisiva “Fosca Innocenti” (titolo internazionale “FOSCA – A Tuscan policewoman”) per Mediaset, che segna il grande ritorno di Vanessa Incontrada su Canale5.



Il primo ciak a Roma, poi il set si sposterà ad Arezzo, ambientazione della serie.

 

Si tratta di una serie dove il realismo poliziesco e i paesaggi della Toscana si uniscono alla leggerezza della commedia sentimentale. Vanessa Incontrada interpreta la protagonista Fosca Innocenti, Vice Questore a capo di una squadra investigativa tutta al femminile. Vive in un casolare di campagna ereditato dal padre e circondato da campi di girasole, ama andare a cavallo, ma, soprattutto, ha un gran “fiuto”, un istinto straordinario che la rende capace di riconoscere odori e profumi e dal quale si lascia guidare per risolvere i suoi intricati casi.

 

Qual è il punto debole della nostra protagonista? Il suo migliore amico Cosimo, interpretato da Francesco Arca, titolare dell'enoteca vicina al commissariato. Tra loro è veramente solo amicizia o c'è qualcosa di più? La decisione di Cosimo di partire per New York rimetterà tutto improvvisamente in discussione…

 

"Fosca Innocenti” è prodotta da Massimo Del Frate per Banijay Studios Italy. Soggetto e sceneggiatura di Dido Castelli e Graziano DianaFabrizio Costa è il regista della serie. 

martedì 13 ottobre 2020

Ben Hur al Teatro Golden

Dal 14 ottobre al 1 novembre al teatro Golden arriva Ben Hur, una storia di ordinaria periferia


Con oltre 400 repliche e 200 città raggiunte, lo spettacolo è stato visto da più di 100.000 spettatori Ben Hur è uno degli spettacoli più amati degli ultimi anni, osannato da critica e pubblico. Un vero e proprio CULT teatrale.


Un perfetto mix di risate, pensieri, emozione e cattiveria, nato dalla penna di Gianni Clementi per la formidabile coppia Triestino-Pistoia, accompagnati dalla talentuosa Elisabetta De Vito, e che ha conquistato le platee di tutta Italia.


Lo sfondo è Roma. Roma che accoglie e che respinge, Roma sempre più incattivita, eppure capace di generosità inaspettate. 




Lo "straniero" oggi è sempre più parte di questa città, volenti o nolenti. In Ben Hur ha le vesti di un ingegnere bielorusso (Milan, rigorosamente clandestino), che irrompe con il candore di chi spera in un futuro migliore, e che poi, con la forza di uno tsunami, rivitalizza il grigio percorso di due fratelli, Sergio e Maria, separati e costretti ad una grigia convivenza coatta, in una grigia periferia. Sergio, ex-stuntman in attesa di un risarcimento per un incidente sul set de "Salvate il soldato Ryan", trascina le sue giornate al Colosseo dove, vestendo i panni di un centurione, si presta alle canoniche foto con i turisti. 


Lei, invece, si impegna in una squallida chat erotica telefonica. Lavora da casa, in vestaglia, ciabattando tra una stanza e l'altra. 


Con Milan arriveranno un progressivo benessere, energie nuove, una biga e forse un nuovo amore. 


E poi…il resto lo scoprirete a teatro


dal 14 ottobre al 1 novembre

Teatro Golden

via Taranto, 36

BEN HUR

una storia di ordinaria periferia




di GIANNI CLEMENTI

 

regia

Nicola Pistoia

 

con 


PAOLO TRIESTINO      NICOLA PISTOIA     ELISABETTA DE VITO









lunedì 27 luglio 2020

Asia film festival

Il prossimo 30 luglio alla Casa del Cinema di Villa Borghese prenderà il via la XVII edizione dell’Asian Film Festival


L’Asian Film Festival, diretto da Antonio Termenini, presenta una selezione del meglio del cinema di ricerca e indipendente asiatico, con una grande attenzione per gli esordi e i giovani registi della ricca sezione Newcomers.

In programma 27 lungometraggi e 3 cortometraggi, presentati in anteprima, provenienti da 10 paesi dell’Asia orientale: Giappone, Corea del Sud, Cina, Filippine, Hong Kong, Taiwan, Indonesia, Malesia, Thailandia, Vietnam


Cinema filippino

Di questi 8 sono lungometraggi provenienti dalle Filippine, un'occasione per festeggiare i 100 anni del cinema filippino con il meglio delle produzioni più recenti Tra queste, si segnala The Halt di Lav Diaz, della durata di 4 ore e 40 minuti, che era stato presentato a Cannes nel 2019 e poi è rimasto sostanzialmente invisibile: un film potente e provocatorio che immagina un vicino futuro cupo troppo simile al presente. 

Altro film importante è Kaputol, di Mac Alejandre, che mescola passato, presente e futuro, realtà e finzione, film nel film, per raccontare una dolorosa storia di scomparse e speranze. Nella serata di chiusura viene inoltre presentato Kalel, 15 di Jun Lana, storia di un’adolescenza difficile negli slum di Manila.


Cinema coreano


Sabato 1 agosto è Korean Day – una giornata interamente dedicata al cinema sud coreano in cui vengono presentati 4 lungometraggi e un cortometraggio. Second Life di Park Young-ju e Our Body di Han Ka-ram sono gli esordi di due registe strabilianti e talentuose, che raccontano con minimalismo e attenzione al dettaglio le storie problematiche di un’adolescente (Second Life) e una donna matura (Our Body) alle prese con scelte difficili. Jesters: The Game Changers di Kim Joo-ho è un film ad ambientazione storica che ha anche un impatto sull’attualità: racconta di un gruppo di acrobati assoldato dal re per migliorare la sua immagine presso la popolazione, e come tale è un fresco film d’intrattenimento, ma è anche un’utile allegoria per ragionare su costruzione del consenso e fake news nell’epoca della post-verità. Infine, viene presentato anche il recente film di Kim Ki-duk Human, Space, Time and Human, che sembra provocatoriamente fare eco ai guai etici e giudiziari in cui si è cacciato il tormentato regista.

Cinema giapponese

Per quanto riguarda il Giappone, nella serata di apertura viene presentato First Love di Takashi Miike, uno scatenato e sorprendente film di yakuza che è anche un amorevole studio su outsider ed emarginati. Chiude invece il festival A Girl Missing di Koji Fukada, autore indipendente raffinato, già acclamato nei maggiori festival internazionali, che qui presenta una fibrillante storia di colpa e anelito alla redenzione. Per stuzzicare gli incubi estivi, festeggiamo anche il ritorno di Hideo Nakata alla saga di The Ring con Sadako, new entry nel fortunato franchise del terrore che vede ancora una volta lo spirito della vendetta di Sadako tormentare i vivi.

Cinema da Hong Kong


Da Hong Kong è da segnalare Apart, di Chan Chit-man, che coglie quasi in presa diretta il complicato spirito dei tempi della Regione ad amministrazione speciale cinese nel raccontare le rivolte del Movimento degli ombrelli del 2014 e le più recenti proteste di piazza. Prosegue anche il lavoro che unisce tematiche LGBTQ e ricerca di un’identità locale con due film toccanti e sentiti come Tracey di Jun Li e I Miss You When I See You di Simon Chung.

... inoltre



Altri temi che percorrono in filigrana il festival sono il rapporto tra relazioni umane e violenza (il filippino Battered Husband, il quasi-horror malese Walk with Me, il vietnamita in costume The Third Wife) e la marginalità sia come spleen esistenziale (i cinesi Intimacy e From Tomorrow On I Will), sia come malattia (l’autismo del malese Guang) che come alterità alla società (i tossicodipendenti tormentati del taiwanese The Paradise).


Le proiezioni del pomeriggio saranno nel comfort della Sala Deluxe, quelle serali, a partire dalle 20.45 nel Teatro all’Aperto Ettore Scola, per godere i film in serenità e nel fresco del parco.


30 luglio – 5 agosto 2020

Casa del Cinema
Largo Marcello Mastroianni 1
Asian Film Festival
Ingresso singola proiezione 5 euro, abbonamento per 25 euro, 15 euro abbonamento studenti.