sabato 18 settembre 2021

Agata e la Regina a Palazzo Merulana

 Sarà in scena domenica 19 settembre alle ore 17,00 a Palazzo Merulana- nell'ambito del Festival della Letteratura di Viaggio XII edizione - la lettura drammatizzata dal titolo Agata e la Regina di Pier Luigi Razzano, con Euridice Axen interprete e regista.



Agata e la Regina è andato in scena a luglio a Napoli, nell'ambito del Campania Teatro Festival diretto da Ruggero Cappuccio, ed è stato uno degli appuntamenti de "Il Sogno Reale" un progetto dello stesso Ruggero Cappuccio a cura di Marco Perillo, dedicato alle meraviglie dell’epoca borbonica. Un focus su un periodo storico senza precedenti, i cui fasti e i cui primati, a Napoli come nel resto del Sud Italia, attraggono, incantano e accendono riflessioni ancor oggi. La produzione è della Fondazione Campania dei Festival – Campania Teatro Festival.

In occasione dell'allestimento dello spettacolo a Palazzo Merulana, introdurranno la lettura Ruggero Cappuccio e Nadia Baldivice-direttrice artistica Fondazione Campania dei Festival.

Euridice Axen interpreta dunque “Agata e la regina”, la storia di una giovane e del suo incontro speciale, che Pier Luigi Razzano ambienta nel 1836. Agata è stata trovata con oro e gioielli in fila al Monte di Pietà. Accusata di essere una ladra, in una notte spaventosa rievoca l’ultimo anno per ritrovare un senso profondo. La sua vita era sempre stata semplice, dedita alla cura costante del padre, un grande artigiano di porcellane che non riesce più a creare come un tempo e vive con lei nel Casino della Capraia del Real Bosco di Capodimonte. Un giorno, in una zona solitaria del bosco, Agata incontra una figura misteriosa: è la regina Maria Cristina di Savoia, moglie di Ferdinando II di Borbone, donna dall’atteggiamento accogliente e benevolo che verrà travolta dalla sua figura rivoluzionaria.

venerdì 10 settembre 2021

Skunk Anansie in concerto a Roma

Torna in Italia una delle rock band britanniche più grandi di tutti i tempi, acclamata da pubblico e critica: gli Skunk Ansie nella line up di ROCK IN ROMA, che si esibirà in concerto alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma il prossimo 29 giugno 2022 alle ore 21

La frontwoman Skin è diventata una delle più importanti icone musicali femminili a livello mondiale e non solo: attivista, pioniera per le donne nell’industria musicale, modella e musa per molti designer.

Il concerto romano è solo una tappa di un tour che porterà la  band sui palchi di tutta Europa per celebrare e ripercorrere 25 anni di carriera

 

I biglietti sono già disponibili online su ticketone.it e nei punti vendita Ticketone 

 

SKUNK ANANSIE

ROCK IN ROMA – AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA, CAVEA

29 GIUGNO 2022

 

Orari

Aperture porte: h 19:30

Inizio concerto: h 21:00

 

Prezzi dei biglietti

Parterre in piedi: € 40,00 + € 6,00 D.P.

Tribuna centrale: € 50,00 + € 7,50 D.P.

Tribuna mediana: € 40,00 + € 6,00 D.P.

Tribuna laterale: € 30,00 + € 4,50 D.P.

Tribuna alta: € 30,00 + € 4,50 D.P.


 

.

 

SKUNK ANANSIE

29 GIUGNO 2022

ROCK IN ROMA – AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA, CAVEA

 

Prezzi dei biglietti

Parterre in piedi: € 40,00 + € 6,00 D.P.

Tribuna centrale: € 50,00 + € 7,50 D.P.

Tribuna mediana: € 40,00 + € 6,00 D.P.

Tribuna laterale: € 30,00 + € 4,50 D.P.

Tribuna alta: € 30,00 + € 4,50 D.P.

Orari

Aperture porte: h 19:30

Inizio concerto: h 21:00

giovedì 3 giugno 2021

La Cordigliera dei sogni, dal 10 giugno al cinema

 

La Cordigliera dei sogni, il film cileno che all’ultimo Festival di Cannes ha avuto un ottimo riscontro di pubblico e critica, arriva nelle sale cinematografiche italiane a partire dal prossimo 10 giugno. Un film che chiude la trilogia che il regista cileno Patricio Guzmán dedicata alla sua terra offrendo al pubblico il Cile visto attraverso il suo sguardo, svelandone l’anima più profonda e nascosta.



Come si può intuire dal titolo, protagoniste del film sono le montagne, le alte cime della Cordigliera andina, cariche di una moltitudine di significati simbolici, spesso contraddittori, stratificati come la roccia.

Per il regista cileno La Cordigliera dei sogni è un viaggio nel suo passato, un ritorno nostalgico e a tratti onirico nel cuore della sua terra.

La poesia visiva del paesaggio si sovrappone alle testimonianze dei cittadini cileni, che rivivono i loro ricordi della dittatura di Pinochet: le voci umane si fondono con quella silente della roccia, in un commovente grido di avvertimento alle nuove generazioni, affinché non si rassegnino e non smettano di sperare nel futuro.

sabato 8 maggio 2021

La Casa del Cinema rende omaggio ad Alida Valli

La Cineteca nazionale festeggia il centenario della nascita di Alida Valli. L'attrice era nata nata a Pola il 31 maggio 1921 con il nome di Alida Maria Laura Altenburger


Una celebrazione che si svolge come è giusto che sia, con una rassegna che ha l’ambizione di proporre un originale percorso cinematografico di un’attrice più unica che rara. 

Dino Risi l'ha definita come l’attrice più amata dagli italiani, che ha avuto una carriera straordinaria che dal va cinema dei telefoni bianchi a quello hollywoodiano, per poi rimettersi coraggiosamente in discussione con importanti autori (Visconti, Antonioni, Pasolini, Bertolucci, Pontecorvo, Brusati, Zurlini, Argento, ecc,). 

La sua vita poi s’intreccia indissolubilmente con quella del Centro Sperimentale di Cinematografia dove è entrata nel 1936 e diversi anni dopo con il capolavoro di Soldati, Piccolo mondo antico (1941), ha vinto la coppa Volpi. 

A vestirla è stato il grande costumista e scenografo per il cinema e per il teatro Gino Carlo Sensani che dal 1935 fino alla sua morte nel 1947 ha tenuto la cattedra di costume al Centro Sperimentale di Cinematografia. E l’aula di costume del Centro è non a caso dedicata a lui e a Maria de Matteis. 

Proprio come gli strani fili della vita e dell’arte che s’intrecciano, è stata poi proprio la Biblioteca Luigi Chiarini a ospitare e archiviare il preziosissimo fondo dell’attrice che rappresenta per gli storici un’occasione unica ed eccezionale perché permette di recuperare e di incrociare una grande quantità e qualità di fonti per rivisitare la carriera di Valli e studiare per la prima volta aspetti della sua vita e del suo divismo, che finora erano rimasti sconosciuti o inaccessibili ai ricercatori. 

Il Fondo Alida Valli, donato dai figli Carlo e Lorenzo De Mejo alla Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia tra il 2015 e il 2016, ha permesso la realizzazione di quel magnifico Bianco e nero n. 586 dedicato interamente all’attrice. 

Questo il programma: delle proiezioni

Lunedì 10 maggio

ore 16:00 Luce nelle tenebre di Mario Mattoli (1941, 83’)
ore 18:00 Piccolo mondo antico di Mario Soldati (1941, 106’)

Lunedì 17

ore 16.00 La vita ricomincia di Mario Mattoli (1945, 89’)

ore 18:00 Senso di Luchino Visconti (1954, 121’)


Lunedì 24 maggio

ore 16:00 Il grido di Michelangelo Antonioni (1957, 115’)

ore 18.00 Strategia del ragno di Bernardo Bertolucci (1970, 98’)

 

Lunedì 31 maggio

ore 16:00 Il caso Raoul di Maurizio Ponzi (1974, 103’)

ore 18:00 La luna di Bernardo Bertolucci (1979, 140’)


I festeggiamenti per Alida Valli dopo il mese di maggio maggio proseguiranno anche ad agosto, quando durante la programmazione estiva dell’Arena della Casa del Cinema, verrà proiettato il toccante documentario di Mimmo Verdesca Alida (2020).

10 – 31 maggio 2021

Casa del Cinema

Alida 100

giovedì 6 maggio 2021

Giorgio Colangeli recita Dante a Memoria

Tutta la Divina Commedia recitata a memoria, questa la fantastica impresa in cui si cimenterà l’attore Giorgio Colangeli, tra i pochissimi ad aver imparato l’intera opera a memoria. La rappresentazione, che rientra nel più ampio programma per la celebrazione di Dante Alighieri si terrà al Teatro Argentina da lunedì 10 a giovedì 13 maggio. 



Una sorta di maratona dantesca scandita da un programma ben preciso: l’attore dedicherà due performance a Inferno e Purgatorio – rispettivamente lunedì 10 e martedì 11 maggio (ore 10.30 prima parte e ore 18 seconda parte) e tre al Paradiso mercoledì 12 maggio (ore 10.30 prima parte e ore 18 seconda parte) e giovedì 13 maggio (dalle 18.00 terza parte)

.

Il viaggio speciale del progetto DANTE A MEMORIA “Perché di lor memoria sia”, tra le lectio introdotte da Paolo Di Paolo e il ciclo di laboratori a cura del Piero Gabrielli, passa ora per la poesia detta, evocando un passato in cui le terzine dantesche erano patrimonio orale di ogni strato della popolazione, attraverso sette incontri in un doppio appuntamento fra mattina e pomeriggio, che si addentreranno nel capolavoro dantesco per farne risuonare e vibrare il familiare eppur misterioso ritmo poetico.


Giorgio Colangeli si cimenta in un corpo a corpo con il testo dell’immenso cantore affrontato nella sua integrità, che diventa suono, oralità, flusso cui abbandonarsi, rivivendone e riscoprendone il detto in un rituale teatrale collettivo. .


I costumi di scena, che fanno riferimento alle categorie professionali dei vigili del fuoco, della protezione civile e degli infermieri, saranno il punto di contatto con un oggi in cui la parola dantesca è più che mai fondamentale per rinnovare la comprensione della nostra esistenza; in questa chiave, la poesia detta della Commedia viaggerà in un mondo nuovo, moderno, rappresentando così le categorie che accompagnano noi tutti nel viaggio terreno e che ci aiutano nei momenti di difficoltà e di cura.

Il progetto artistico dell’evento, prodotto dal Teatro di Roma, è curato dallo stesso Colangeli con la complicità di Marco Maltauro, le musiche di Diego Dall’Osto e i contributi musicali di Tommaso Cuneo alla chitarra e Vincenzo Di Sanzo alla zampogna.


Teatro di Roma - Teatro Argentina

Inferno I e II Parte lunedì 10 maggio (ore 10.30 / ore 18.00)

Purgatorio I e II Parte martedì 11 maggio (ore 10.30 / ore 18.00)

Paradiso I e II Parte  mercoledì 12 maggio (ore 10.30 / ore 18.00)

Paradiso III Parte  giovedì 13 maggio (ore 18.00)


martedì 4 maggio 2021

Primo ciak a Roma per la serie "Fosca Innocenti"

Banijay Studios Italy, società di produzione guidata dal CEO Paolo Bassetti e dall'Head of Drama Massimo Del Frate, conferma l'inizio delle riprese della nuova serie televisiva “Fosca Innocenti” (titolo internazionale “FOSCA – A Tuscan policewoman”) per Mediaset, che segna il grande ritorno di Vanessa Incontrada su Canale5.



Il primo ciak a Roma, poi il set si sposterà ad Arezzo, ambientazione della serie.

 

Si tratta di una serie dove il realismo poliziesco e i paesaggi della Toscana si uniscono alla leggerezza della commedia sentimentale. Vanessa Incontrada interpreta la protagonista Fosca Innocenti, Vice Questore a capo di una squadra investigativa tutta al femminile. Vive in un casolare di campagna ereditato dal padre e circondato da campi di girasole, ama andare a cavallo, ma, soprattutto, ha un gran “fiuto”, un istinto straordinario che la rende capace di riconoscere odori e profumi e dal quale si lascia guidare per risolvere i suoi intricati casi.

 

Qual è il punto debole della nostra protagonista? Il suo migliore amico Cosimo, interpretato da Francesco Arca, titolare dell'enoteca vicina al commissariato. Tra loro è veramente solo amicizia o c'è qualcosa di più? La decisione di Cosimo di partire per New York rimetterà tutto improvvisamente in discussione…

 

"Fosca Innocenti” è prodotta da Massimo Del Frate per Banijay Studios Italy. Soggetto e sceneggiatura di Dido Castelli e Graziano DianaFabrizio Costa è il regista della serie.